Le Torri di Bologna: storia e curiosità delle due sorelle simbolo della città

 

Sei mai stato a Bologna e ti sei chiesto quale sia la storia dietro le sue maestose torri gemelle? In questo articolo, ti porteremo alla scoperta delle Torri degli Asinelli e Garisenda, simboli indiscussi della città di Bologna. Preparati a immergerti in un viaggio affascinante tra storia, leggende e curiosità che renderanno la tua prossima visita a Bologna ancora più speciale.

Breve storia delle Torri di Bologna

Le Torri di Bologna, conosciute anche come le Due Torri, sono un’icona della città e un must-see per chiunque la visiti. Costruite tra il XII e il XIII secolo, queste torri erano in origine parte di un complesso di oltre 100 torri, erette dalle famiglie nobili della città come simbolo di potere e prestigio. Oggi, solo una ventina di queste torri sopravvivono, ma le Torri degli Asinelli e Garisenda rimangono le più famose e visitate.

La Torre degli Asinelli

La Torre degli Asinelli, alta ben 97,2 metri, è la più alta delle Due Torri e una delle più alte torri medievali d’Europa. Una curiosità riguarda la sua leggera pendenza, causata dal terreno sottostante: infatti, la torre pende di 1,3 metri rispetto al suo asse verticale. Se sei in cerca di un’esperienza unica e non hai paura delle altezze, puoi salire i 498 gradini della torre e godere di una vista panoramica mozzafiato sulla città di Bologna.

La Torre Garisenda

La Torre Garisenda, con i suoi 48 metri di altezza, è la più bassa delle Due Torri e presenta una pendenza ancora più accentuata di quella della Torre degli Asinelli, ben 3,2 metri rispetto all’asse verticale. A causa della sua instabilità, la torre fu abbassata nel 1360 per motivi di sicurezza. La Torre Garisenda ha ispirato anche il celebre poeta Dante Alighieri, che la cita nella sua Divina Commedia.

Curiosità e leggende sulle Due Torri

Le Due Torri di Bologna sono circondate da numerose leggende e curiosità. Una delle più conosciute riguarda la rivalità tra le famiglie Asinelli e Garisenda: si dice che le torri fossero state costruite così vicine l’una all’altra per dimostrare chi avesse il potere più grande in città. Un’altra leggenda narra che gli studenti dell’Università di Bologna debbano evitare di salire la Torre degli Asinelli prima di laurearsi, altrimenti rischiano di non completare mai gli studi!

 

Le Torri di Bologna sono un tesoro di storia, arte e cultura che vale la pena scoprire durante una visita alla città. Ora che conosci le loro storie affascinanti e le curiosità che le circondano, non dimenticare di aggiungere queste meraviglie architettoniche al tuo itinerario quando ti troverai a Bologna. Che tu decida di salire la Torre degli Asinelli o semplicemente ammirare la bellezza delle Due Torri da lontano, ti assicuriamo che l’esperienza sarà indimenticabile. Buon viaggio e buona scoperta delle meraviglie di Bologna!

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

continua

Potrebbero interessarti

Express Festival 2024

Torna anche quest’anno Express, la rassegna di concerti dedicata al meglio della musica nazionale ed internazionale curata dal Locomotiv Club di Bologna, con il sostegno