Piazza Maggiore: cuore pulsante della città di Bologna

Benvenuti a Piazza Maggiore, il cuore pulsante della città di Bologna, dove storia, cultura e vita sociale si fondono in un’atmosfera unica e vibrante. In questo articolo, esploreremo i principali monumenti e luoghi d’interesse che caratterizzano questa affascinante piazza, situata nel centro storico di Bologna.

Piazza Maggiore è il fulcro della vita cittadina di Bologna sin dalla sua fondazione nel XIII secolo. La piazza è circondata da alcuni dei più importanti edifici storici della città, che testimoniano l’evoluzione architettonica e artistica di Bologna nel corso dei secoli.

 

Palazzo d’Accursio (o Palazzo Comunale)

 

Questo imponente edificio, costruito tra il XIII e il XV secolo, è la sede del Comune di Bologna e ospita anche il Museo Civico d’Arte. Una delle curiosità legate a Palazzo d’Accursio è la presenza di una meridiana solare, realizzata nel 1655, che si trova sulla facciata principale.

 

Basilica di San Petronio

Una delle chiese più grandi e importanti di Bologna, dedicata al patrono della città, San Petronio. La facciata incompiuta della basilica è una delle sue caratteristiche più peculiari, mentre all’interno si possono ammirare capolavori come l’affresco dell’Inferno di Giovanni da Modena.

 

Palazzo dei Notai

Un edificio risalente al XIV secolo che un tempo ospitava la sede dell’Ordine dei Notai di Bologna. Il palazzo è caratterizzato da una facciata in stile gotico, decorata con stemmi e sculture.

 

Palazzo del Podestà

Un altro importante edificio storico di Piazza Maggiore, costruito nel XIII secolo come sede del governatore della città. Il palazzo è famoso per il “Voltone del Podestà”, un’arcata che collega il palazzo con il Palazzo dei Notai, e per la curiosa acustica che permette di ascoltare chiaramente i sussurri provenienti da un angolo all’altro dell’arcata.

 

Fontana del Nettuno

Una delle icone di Bologna, questa splendida fontana rinascimentale, realizzata da Giambologna nel 1566, rappresenta il dio Nettuno che domina le acque, simbolo di potere e ricchezza per la città. Curiosità: i bolognesi chiamano affettuosamente la fontana “il Gigante” per le dimensioni della statua di Nettuno.

 

Palazzo dei Banchi

Situato sul lato est di Piazza Maggiore, questo edificio rinascimentale fu costruito nel XVI secolo e ospitava in origine le sedi delle banche e delle corporazioni dei mercanti. La sua facciata simmetrica e le eleganti arcate lo rendono uno degli edifici più raffinati della piazza.

 

Palazzo Re Enzo

Affianco al Palazzo del Podestà, questo palazzo fu costruito nel XIII secolo per ospitare il re Enzo di Svevia, prigioniero politico della città. Oggi, il palazzo è utilizzato per eventi culturali e mostre temporanee.

 

Mercato di Mezzo

A pochi passi da Piazza Maggiore, il Mercato di Mezzo è un vivace mercato alimentare dove potrete assaggiare e acquistare prodotti tipici bolognesi come mortadella, tortellini e sfoglia fresca.

 

Non dimenticate di esplorare anche le strade e i vicoli che si diramano da Piazza Maggiore, come la celebre Via dell’Indipendenza, una delle principali vie dello shopping di Bologna, e il Quadrilatero, un labirinto di strade medievali pieno di negozi, botteghe artigiane e ristoranti tipici.

In definitiva, Piazza Maggiore è una tappa obbligata per chiunque visiti Bologna, una perfetta sintesi di ciò che rende questa città così affascinante e accogliente. Grazie alla sua ricchezza di monumenti, luoghi d’interesse e curiosità, Piazza Maggiore è in grado di catturare l’attenzione di ogni visitatore e regalare un’esperienza indimenticabile nel cuore della città.

Ricordate di condividere le vostre esperienze e scoperte a Bologna con l’hashtag #WhatsinBo o #WhatsinBologna, per far conoscere a tutti la bellezza di questa piazza e della città che la ospita. Buon viaggio!

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

continua

Potrebbero interessarti

GOGOBO 2024: la stagione dell’amore

La quarta edizione del festival raccontata dall’interno: la parola a Mirko Perri GOGOBO, il festival musicale che si è ormai affermato come un appuntamento fisso