Quelle di Margherita Vicario non sono solo Canzoncine

Live report del concerto all’Estragon

Si è concluso all’Estragon di Bologna lo Showtime Tour di Margherita Vicario. La poliedrica artista romana ritorna sui palchi dopo un anno e lo fa in grande stile – in tutti i sensi, in ogni tappa Margherita ha indossato creazioni Vivienne Westwood.

Niente è lasciato al caso nell’arte di Margherita Vicario, dalla scelta del look, alla scelta delle parole dette sul palco e cantate, ma tutto si fa portatore di un messaggio; lo Showtime – come l’arte in generale e la musica di Margherita in particolare – non sono altro che lo specchio della realtà in cui viviamo. Guerra, femminicidio, cambiamento climatico, critica sociale, ma anche amore, sorellanza e resistenza: questi i temi affrontati in quelle che all’apparenza possono sembrare semplici canzoncine, ma sono molto di più.  Temi alla quale anche il pubblico si mostra particolarmente attento.

Un pubblico protagonista dello show tanto quanto la cantante sul palco, un pubblico che non ha mai smesso di cantare, ballare e dialogare con la Vicario. Un concerto intimo, nonostante si fosse in più di mille. Una festa tra amici per celebrare la fine di un tour, ma anche i dieci anni di carriera dell’artista. La scaletta del concerto, infatti, è stato il giusto mix tra canzoni degli esordi, le hit più amate e gli ultimi singoli pubblicati.

Sul palco ad accompagnare quel tornado di energia di Margherita Vicario la sua band composta da Micol Touadi (cori), Davide Sollazzi (percussioni), Stefano Rossi (basso), Michele Mariola (chitarra), Cristiana Della Vecchia (tastiere, programming).

Il sipario cala, le luci si spengono, lo show finisce e noi aspettiamo con ansia nuova musica e nuovi concerti di Margherita Vicario. Nell’attesa, ecco alcune foto per rivivere il live all’Estragon.

 

Credits per le foto: Lucrezia Poleo ©

 

 

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Pinterest
LinkedIn
continua

Potrebbero interessarti

GOGOBO 2024: la stagione dell’amore

La quarta edizione del festival raccontata dall’interno: la parola a Mirko Perri GOGOBO, il festival musicale che si è ormai affermato come un appuntamento fisso