Torna Indie Pride e presenta il Bellezza Party

Indie Pride, l’associazione bolognese impegnata nella lotta all’omolesbobitransfobia, al bullismo e al sessismo attraverso la musica, fa il suo ritorno dopo quattro anni di silenzio. L’appuntamento è fissato per sabato 18 maggio a Bologna, in coincidenza con la Giornata Internazionale contro l’omolesbobitransfobia.

La giornata sarà interamente dedicata alla bellezza e alla produzione musicale.

Le attività inizieranno con un workshop mattutino presso Il Pallone, organizzato in collaborazione con Ableton Italia, per approfondire l’utilizzo del software leader mondiale nella produzione musicale dal vivo. Il workshop è gratuito, ma è necessario prenotarsi su Dice e assicurarsi il proprio posto.

Nel pomeriggio, sempre sempre presso Il Pallone, si terrà un talk dal titolo “La produzione musicale in Italia: c’è rappresentanza?“, un momento di confronto su quanto il settore musicale, sia dal punto di vista discografico che live, stia vedendo emergere una nuova rappresentanza femminile e queer. Tra i partecipanti ci saranno rappresentanti di Elastico Records, HU, FLUIDOSTUDIO e La Collettiva Elettronika, con moderazione di Albi Scotti. L’accesso anche in questo caso è gratuito con prenotazione.

La serata terminerà al Covo Club con il Bellezza Party (prevendite attive su Dice), che vedrà esibirsi le Fucksia, un collettivo queer e transfemminista prodotto da Elastico Records. Il loro sound è una fusione tra punk, techno/dance e psichedelia e  presenteranno dal vivo il nuovo album Exagerat3. A seguire, le selezioni musicali di HU (Federica Ferracuti, polistrumentista e sound engineer), La Collettiva Elettronika (collettivo queer bolognese specializzato in party scatenati) e FLUIDOSTUDIO (progetto musicale anti-razzista di Stefano Libertini Protopapa e Pierpaolo Moschino).

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Pinterest
LinkedIn
continua

Potrebbero interessarti

Express Festival 2024

Torna anche quest’anno Express, la rassegna di concerti dedicata al meglio della musica nazionale ed internazionale curata dal Locomotiv Club di Bologna, con il sostegno