L’Archiginnasio di Bologna: un tesoro nascosto di cultura e sapere

L’Archiginnasio di Bologna, situato nel cuore della città, è un vero e proprio scrigno di cultura e sapere. Antica sede dell’Università di Bologna, la più antica università del mondo occidentale, l’edificio racchiude in sé tesori inestimabili e affascinanti storie. In questo articolo, scopriremo le sue sale affrescate, la Biblioteca e il Teatro Anatomico, luoghi di studio e ricerca da secoli.

Storia dell’Archiginnasio

L’edificio fu costruito tra il 1562 e il 1563 su commissione del cardinale Carlo Borromeo e del legato pontificio di Bologna, il cardinale Poggi. L’Archiginnasio fu progettato dall’architetto Antonio Morandi detto Terribilia, e divenne la sede dell’Università di Bologna fino al 1803, quando l’istituzione si trasferì nella sua attuale sede.

Le sale affrescate

L’Archiginnasio è noto per le sue numerose sale affrescate, decorate con stemmi e iscrizioni degli studenti e dei professori che vi hanno studiato e insegnato nel corso dei secoli. Tra queste, spicca l’Aula dello Stabat Mater, la più grande e prestigiosa del complesso, dove si tenevano le lezioni di diritto e teologia.

La Biblioteca dell’Archiginnasio

Con oltre 850.000 volumi e manoscritti, la Biblioteca dell’Archiginnasio è una delle più importanti e ricche biblioteche d’Italia. Fondata nel 1605, conserva manoscritti e incunaboli preziosi, tra cui il Codex Bononiensis, il più antico documento sulla storia di Bologna.

Il Teatro Anatomico

Inaugurato nel 1637, il Teatro Anatomico è uno dei luoghi più affascinanti dell’Archiginnasio. Qui, gli studenti di medicina assistevano a lezioni di anatomia e a dissezioni di cadaveri. Il teatro è decorato con statue di legno raffiguranti i grandi medici dell’antichità e un soffitto a cassettoni ornato da un Apollo che simboleggia la luce della conoscenza

Curiosità

L’Archiginnasio è anche sede di una lapide commemorativa del poeta Giosuè Carducci, che insegnò letteratura italiana all’Università di Bologna tra il 1860 e il 1904. La lapide si trova nella cosiddetta “Sala dei Filosofi”, dove il poeta teneva le sue lezioni.

Se visitate Bologna, non potete perdervi l’occasione di esplorare l’Archiginnasio e immergervi nella sua affascinante atmosfera, testimone di secoli di cultura e sapere. Ricordatevi di condividere le vostre scoperte e impressioni con gli hashtag #ArchiginnasioBologna e #WhatsinBo, per far conoscere a tutti questo tesoro nascosto nel cuore della città.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

continua

Potrebbero interessarti

GOGOBO 2024: la stagione dell’amore

La quarta edizione del festival raccontata dall’interno: la parola a Mirko Perri GOGOBO, il festival musicale che si è ormai affermato come un appuntamento fisso